NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itBarcellona

CORONAVIRUS NEWS

Contagi: la percentuale scende in Italia, ma sale in Spagna

Mappa Covid19

Durante gli ultimi giorni, è stato registrato un calo del numero di contagi in Italia da Coronavirus; l’andamento della curva sembrerebbe decrescere. Starà arrivando per l’Italia il momento della ripresa?
“Non mi sento di sbilanciarmi, anche perché oggi vediamo gli effetti di quel che è avvenuto due settimane fa. Prendiamo atto che le misure funzionano ma è presto per parlare di trend in calo” afferma il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro.

I contagi in Italia sono in diminuizione

Nonostante non bisogni abbassare la guardia e ne credere che il problema sia passato, sembra che in Italia inizi a vedersi il risultato dello sforzo che la popolazione sta portando avanti da quando venne annunciato lo stato d’emergenza. Questi saranno sicuramente giorni decisivi per il futuro del Paese. I nuovi casi di contagi sono stati in diminuizione per quattro giorni consecutivi. In Lombardia, “La sensazione di rallentamento nella crescita la si può definire costante, ma non dobbiamo mollare la presa afferma, infatti, il governatore Fontana durante la conferenza stampa tenutasi mercoledì 25 marzo.

contagi-Situazione coronavirus Italia

Inoltre, nello svolgimento della conferenza stampa del 24 marzo, il Premier Giuseppe Conte smentisce una proroga effettiva fino il 31 luglio e da dei chiarimenti a riguardo: “Quando abbiamo adottato il primo provvedimento a fine gennaio abbiamo deliberato lo stato emergenza nazionale per sei mesi, fino al 31 luglio 2020. Ma questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a quella data. Il Presidente aggiunge “Se tutti rispettano le regole consentono all’intera comunità nazionale di uscire quanto prima da questa fase di emergenza”.
Il Presidente del Consiglio riferirà in Parlamento ogni 15 giorni per informare la popolazione sulle misure future.

Nuove sanzioni ed un’app per monitorare gli spostamenti

Si può giungere fino ai 5 anni di reclusione con le nuove sanzioni sancite dal nuovo decreto per diminuire ulteriori contagi. Il premier Giuseppe Conte, durante la conferenza del giorno 24 marzo, elenca le nuove sanzioni applicabili a coloro che non rispettino le misure restrittive. Nel dettaglio, le multe vanno da 400 euro a 3.000 euro per chi viola le regole. Colui che, invece, è positivo al virus e, dunque, in quarantena sarà condannato da uno a cinque anni di carcere, qualora violasse i divieti imposti.
Intanto, il Governo Italiano lancia un appello per esperti pubblici e privati che abbiano dei suggerimenti per la creazione di un’app contro il contagio del Coronavirus. L’obiettivo di tale applicazione è monitorare gli spostamenti dei cittadini in modo da individuare i luoghi in cui è stata una persona contagiata e le persone con cui è stata in contatto.

I contagi in Spagna salgono drasticamente

Non sono invece buone notizie quelle che riguardano la Spagna; in quanto al numero di morti a causa del virus, la Spagna ha superato la Cina. Infatti, 3.432 è la cifra delle persone decedute in Spagna a confronto con le 3.274 persone in Cina. Suddetta cifra, aumenta anche più rapidamente rispetto a quella che si registra in Italia. Tuttavia, il numero dei contagi cresce anche drasticamente: quasi 8 mila contagi in più in un solo giorno, sancendo un record di contagi.
Davanti questi allarmanti dati, Fernando Simón, direttore del centro di allerte sanitarie, prova a rincuorare la popolazione affermando che siamo molto vicini a raggiungere il picco massimo.

contagi-Dati contagi Spagna


Inoltre un dato rassicurante riguarda il numero dei casi guariti dal virus rispetto al numero dei deceduti il quale è tuttora superiore.
La Cataluña, intanto, continua ad essere la seconda Comunità Spagnola con maggior numero di casi, preceduta da Madrid.
Nella città di Barcellona il comune adibirà dei palasport municipali ad ospedali da campo. Il progetto prevede coinvolgere quattro palasport, ognuno dei quali si trova vicino ad uno dei quattro ospedali della città: Vall d’Hebron, Clínic, Sant Pau ed El Mar.

Contagi: la percentuale scende in Italia, ma sale in Spagna ultima modifica: 2020-03-26T09:00:00+01:00 da Francesca Chiefari

Più letti

To Top