NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itBarcellona

CORONAVIRUS

Le sei “C”: la differenza tra Italia e Spagna

Italia Le Sei C

Secondo il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie, l’Italia si situa fra i Paesi europei che meglio contrastano la seconda ondata del Covid-19. Con quale strategia? Con una strategia basata sulle sei “C”.

L’Italia in testa contro la pandemia

“Il grande sacrificio che gli italiani hanno fatto con la quarantena è stato efficace, perché è stato più drastico che in altri Paesi”, è, infatti, quanto afferma il virologo Massimo Galli, dell’ospedale Sacco di Milano. Tuttavia, l’Italia, ai principi della pandemia, fu il primo Paese occidentale a subire gli effetti del virus e le conseguenze da esso scaturite. Attualmente, invece, grazie alla gran collaborazione fra il Governo e le diverse regioni, l’Italia riesce a tenere sotto controllo la diffusione dei contagi da coronavirus rispetto agli altri Paesi europei. Infatti, Secondo il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie, durante gli ultimi giorni si è verificata una media di 2.500 casi giornalieri, rispetto a quella relativa alla Spagna la quale risale a più di 10.000.

Colosseo Italia - le sei c

Una “strategia di sorveglianza attiva” fu una tra le più efficenti delle misure applicate nel Paese; venne messa in pratica in Veneto dal professore di microbiologia dell’Università di Padova, Andrea Crisanti. Lo stesso, infatti, dichiara: “Quando si scopre un caso positivo, anche asintomatico, l’intera rete che fa parte di quella persona viene sottoposta al test, sia in famiglia, nel lavoro che nei rapporti sociali” . Una particolare attenzione venne rivolta verso gli aereoporti; in cui si realizzano, con rigorosità, dei test sui viaggiatori provenienti dai paesi maggiormente colpiti dal virus, tra cui la Spagna.

Le sei “C”

L’Organizzazione Mondiale della Salute ha reso omaggio all’Italia per la gestione della pandemia. Tramite un video pubblicato su Twitter, il quale racconta la storia degli ultimi mesi in Italia, l’OMS scrive: “Il Governo e le regioni, a tutti i livelli, hanno reagito con forza e hanno invertito la traiettoria dell’epidemia con una serie di misure scientifiche.”
Con una strategia, la quale si basa sulle sei “C”, proviamo a capire perchè l’Italia è avvantaggiata nella lotta contro il Covid-19 rispetto la Spagna.

le sei c- Presidente Conte
  • Confianza (Fiducia). Il presidente Giuseppe Conte ha un consenso che supera il 60%; divenendo il politico più popolare e conquistando la fiducia degli Italiani.
  • Coordinación (Coordinazione). Il Governo ha sempre attuato coordinandosi con le diverse regioni; nonstante alcune di esse cercarono di agire per conto proprio.
  • Colaboración (Collaborazione). Istituzioni e cittadini collaborarono efficacemente con i provvedimenti del Governo.
  • Ciencia (Scienza). A partire dai principi della pandemia, i migliori esperti del Paese, i quali formano un comitato tecnico scientifico, consigliarono al Governo sulle misure applicabili.
  • Comunicación (Comunicazione). E’ sempre stata presenze una trasparenza nelle informazioni, relative alla pandemia, da parte dei tecnici e del Governo. Infatti, durante la quarantena, ogni giorno un membro di del comitato scientifico ha tenuto una conferenza stampa.
  • Control (Controllo). Anche durante i giorni in cui venne registrata una gran percentuale di morti, l’Italia ha saputo tenere sotto controllo la pandemia. Infatti, gli italiani non hanno mai ricorso ad una frase spesso ripetuta in Spagna: “¿¡Pero en qué manos estamos¡?” (“Ma nelle mani di chi siamo?”).
Le sei “C”: la differenza tra Italia e Spagna ultima modifica: 2020-10-07T09:00:00+02:00 da Francesca Chiefari

Più letti

To Top