NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itBarcellona

NEWS

La Legge sui Rifiuti approvata dal Consiglio dei Ministri

legge sui rifiuti-rifiuti

Durante la giornata di martedì venne approvata la nuova normativa “Strategia Spagna 2030”, il quale fa parte del pacchetto “Legge sui Rifiuti e Terre Contaminate” dell’Unione Europea. La nuova legge entrerà in vigore in Spagna a partire dal 3 luglio 2021.
Il Ministero per la Transizione Ecologica assicura che la crisi del Covid-19 non implicherà alcun cambiamento nel loro calendario.

La lotta contro il materiale plastico

legge sui rifiuti-rifiuto di Plastica

Tra il 2018 ed il 2019, l‘Unione Europea fu costretta ad approvare diverse norme a causa delle grandi quantità di materiale plastico presente in mare e in terra. In Spagna solo il 37,8% dei rifiuti viene riciclato. Dunque, il Paese, unendosi alla lotta contro l’inquinamento, mette in marcia la “Strategia Spagna 2030”, la quale si pone come obiettivo principale ridurre la produzione di rifiuti del 15% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010. Verranno ricercate alternative che non siano di materile plastico o che siano riutilizzabili, anzichè destinate ad un solo uso. Verrà, inoltre, implementata una nuova raccolta differenziata, per ciò che riguarda i rifiuti orgnici, a partire dal 31 dicembre 2021. Nel 2025, in Spagna, il 55% dei rifiuti urbani dovrà essere riciclato o riutilizzato. Nel 2030 il 60%, e nel 2035 il 65%.

Legge sui Rifiuti e Terre Contaminate

La nuova legge sui rifiuti, la quale forma parte del pacchetto di leggi sull’inquinamento imposto dall’Unione Europea, entrerà in vigore a partire dal 3 luglio 2021. A partire da tale data, sarà vietata la vendita di bastonicini di cotone, palloncini, cannucce, piatti e posate di plastica; essendo questi i materiali che si incontrano con maggior frequenza sulle spiagge europee. Scompariranno, inoltre, i contenitori in plastica per bevande ed alimenti. Scomparirà qualunque prodotto di plastica monouso. Differenteme da quella europea, la norma spagnola include anche la proibizione della vendita di qualsiasi prodotto in plastica ossodegradabile; nonché cosmetici e detergenti i quali contengono microplastiche. Le Amministrazioni devono installare fonti di acqua potabile in tutte le proprie strutture, per ridurre il consumo di acqua in bottiglia.
Infine, bar e ristoranti avranno l’obbligo di porre a disposizione per i clienti acqua non imbottigliata gratuitamente.

legge sui rifiuti-riciclaggio

L’accordo annovera altri obblighi: le bottiglie di plastica dovranno contenere il 25% di materiale riciclato entro il 2025 ed il 30% entro il 2030. Entro il 2029 gli Stati Membri dell’ UE dovranno riciclare il 90% delle bottiglie di plastica.
In definitiva, il testo include una sanzione fino ai 2.000.000 di euro per chi dovesse compiere delle infrazioni a riguardo. Nello specifico, verrà imposta tale cifra nei casi in cui si tratti di “rifiuti pericolosi“. L’abbandono di rifiuti o la loro cattiva gestione verranno considerati come “reato molto grave“. Le sanzioni per quanto riguarda i reati molto gravi oscillano tra 1.001 e 50.000 euro. Le violazioni minori, invece, comporteranno delle multe comprese tra i 1.000 e 10.000 euro.

La Legge sui Rifiuti approvata dal Consiglio dei Ministri ultima modifica: 2020-06-05T09:00:00+02:00 da Francesca Chiefari

Più letti

To Top