NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itBarcellona

CORONAVIRUS NEWS

Verso un coprifuoco sull’intero territorio spagnolo

Coprifuoco-Sanchez

Il Presidente del Governo, Pedro Sánchez, ha recentemente annunciato il ricorso, prossimamente, ad un coprifuoco nazionale. Ciò sarà possibile a seguito della dichiarazione di un ulteriore stato d’emergenza.

Coprifuoco solo sotto stato d’emergenza

Nel corso dell’ultima settimana, il Governo centrale e le varie Comunità autonome valutarono, ostinatamente, l’applicazione di un possibile coprifuoco sull’intero territorio spagnolo. Di fatto, durante la giornata di ieri, venerdì 23 ottobre, Pedro Sánchez in diretta da Palazzo Moncloa annunciava la futura applicazione del coprifuoco nazionale.
L’obiettivo è evitare un confinamento totale, tuttavia, dichiara che l’attuale situazione sia grave. Ciò a cui punta il presidente è, principalmente, ridurre la mobilità ed i contatti sociali; affinchè si riduca la propagazione del virus. “Non c’è altro modo possibile” , afferma. Specifica, poi, un sistema basato su quattro livelli di rischio, similare ad un semaforo, da applicare in ogni zona territoriale: basso, medio, alto, estremo.
Affinchè si registri un rischio estremo saranno necesari 250 casi per ogni 100 mila abitanti durante 14 giorni; e 125 casi in sette giorni.

Sanchez-Coprifuoco


Secondo gli ultimi dati raccolti dal dipartimento della Salute, attualmente, sarebbero sei le regioni al livello estremo di allerta: Aragón, Castilla e León, Catalogna, Madrid, Navarra e La Rioja,
Il presidente assicura, però, che siamo più vicini al finale della pandemia e, soprattutto, più preparati rispetto l’episodio precedente; “anche se passeremo dei mesi duri”. Tuttavia, non scarta la posisbilitña di dover ricorrere ad un ulteriore stato d’emergenza affinchè si possa attuare un coprifuoco. Di fatto, l’attuale situazione in Spagna è similare alla situazione tenutasi nel mese di marzo, quando venne applicato lo stato d’emergenza. Pedro Sánchez conclude dichiarando che “dobbiamo resistere per andare avanti” e dichiara che “manca meno tempo per avere un vaccino”. Il presidente, infine, ricorda che durante la prima ondata del virus solo il 30% dei casi veniva rilevato dai test, mentre ora viene rilevato il 70%.

Verso un coprifuoco sull’intero territorio spagnolo ultima modifica: 2020-10-24T09:00:00+02:00 da Francesca Chiefari

Più letti

To Top