SCOPRI BARCELLONA

Casa Lleó Morera a Barcellona

Casa Lleo Morera - facciata della casa

L’architettura modernista è alla base delle costruzioni realizzate a Barcellona agli inizi del XX secolo. Casa Battlò, la Sagrada Familia, la Colonia Güell e tante altre costruzioni del patrimonio artistico catalano sono conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. La Casa Leó Morera è sicuramente meno conosciuta di queste opere, ma entra di diritto nel novero delle più belle case nobiliari costruite in questo stile.

Un capolavoro di architettura modernista

Casa Lleó Morera fu progettata dal secondo architetto modernista più famoso a Barcellona dopo Gaudì, ovvero Lluìs Domènech i Montaner. Fu Francesca Morera, esponente di una nota famiglia catalana, nel 1902 assegnò all’architetto il compito di ristrutturare una sua abitazione ottocentesca, casa Rocamora. Quando nel 1904 la nobildonna morì, la casa prese il nome dal figlio Albert Lleó i Morera. La bellezza dell’edificio su subito riconosciuta dal Comune di Barcellona, che lo insignì con un premio nell’ambito del Concurso anual de edificios artísticos nel 1906.

Casa Lleó I Morera - Interni

La decorazione interna dell’edificio. Fonte: Barcelona Navigator

Questa abitazione non è soltanto una mirabile realizzazione architettonica. Domènech i Montaner fu aiutato da vari artisti nella decorazione dell’edificio. Lluís Bru e Mario Maragliano, infatti, realizzò i mosaici, Eusebi Arnau le sculture, Antoni Serra i Fiter lavorò le ceramiche e Gaspar Homar ideò la decorazione interna e l’arredamento. Il tema della decorazione ruota attorno al significato del cognome Morera, ovvero albero di gelso. Vari sono infatti gli elementi decorativi ispirati a questa pianta. 
Le sculture di Arnau sono un altro meraviglioso elemento decorativo. In particolare le due coppie di donne all’ingresso e quelle al primo piano, che sono raffigurate con elementi dell’avanguardia tecnologica del tempo, come il fonografo e il telefono. Modernità e modernismo, insomma!

I restauri subiti dal palazzo

La bellezza di Casa Lleó Morera lasciò di stucco gli abitanti catalani. Lluís Permanyer, cronista di Barcellona, la definì addirittura come «un Palau de la Música Catalana in scala». Il suo aspetto attuale, tuttavia, è stato modificato da alcuni progetti di ristrutturazione. Nel 1943 Francisco Ferrer Bartolomé avviò un progetto per la ristrutturazione del piano terra. In questa occasione si eliminarono le finestre moderniste e le sculture del piano terra di Arnau.

Casa Leó morera - Tempietto

Il tempietto di Casa Leó Morera fu danneggiato durante la guerra civile e poi restaurato da Tusquets. Fonte: Barcelona Bus Turístic

Negli anni Ottanta, invece, fu Òscar Tusquets a ricevere l’incarico di restaurare il palazzo, che subì forti danneggiamenti durante la guerra civile spagnola. L’architetto ripristinò i pinnacoli e il tempietto in cima alla struttura, che mostravano chiaramente gli effetti dei colpi delle mitragliatrici impiegate nel conflitto. Casa Lleó Morera ha subito altri tre restauri, nel 1992, nel 2006 e nel 2012. L’obiettivo di quest’ultimo intervento fu quello di recuperare diverse parti dell’edificio, come l’ingresso, alcune colonne e una serie di mosaici. Attualmente è la residenza del fotografo cubano-catalano Pau Audouard. Che di sicuro non dovrà allontanarsi da casa per realizzare degli scatti magnifici!

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.

Casa Lleó Morera a Barcellona ultima modifica: 2019-02-04T09:41:20+02:00 da Luigi Bove

Commenti

Più letti

To Top