NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itBarcellona

ARTE E CULTURA SCOPRI BARCELLONA

Cinque film girati a Barcellona che ti faranno innamorare

film girati a Barcellona

Non solo turisti e viaggiatori subiscono il fascino della capitale catalana, ma anche grandi registi. Ecco allora una classifica di cinque film girati a Barcellona, tutti molti diversi tra loro, con in comune una sola cosa: vi faranno innamorare della città.

Profumo: storia di un assassino (Tom Tykwer, 2006)

Adattamento dell’omonimo romanzo bestseller, la pellicola è ambientata nella Parigi del diciottesimo secolo. Forse per questo motivo non ci aspetteremmo che la location principale del film sia proprio Barcellona!

Tra i luoghi che possiamo riconoscere in questo thriller storico ci sono il quartiere Gotico e Plaça de la Merce. Molte scene sono state riprese all’interno del Poble Espanyol, un museo all’aperto in cui si possono ammirare diverse riproduzioni in scala di piazze, quartieri, edifici e monumenti spagnoli. La scena più famosa della pellicola è sicuramente quella girata nel bellissimo labirinto di Parc de laberint d’Horta.

L’appartamento spagnolo (Cèdric Klapisch, 2002)

Se siete tra la folta schiera di studenti Erasmus in città, questo è il film che fa per voi. La pellicola segue la vita del parigino Xavier durante il suo anno di studi nella caotica Barcellona. Una commedia frizzante e divertente, che vi farà rimpiangere di non aver partecipato al programma Erasmus. Visto nella sua versione originale il film è particolare perché girato in diverse lingue, dando l’idea dell’anima multiculturale della città.

Tra i luoghi che compaiono nel film troviamo: la spiaggia della Barceloneta, la Rambla, la via Laietana, la Sagrada Familia, Parc Güell e l’Università di Barcellona.

[REC] (Jaume Balaguero, 2007)

Perla del cinema horror spagnolo e primo capitolo della fortunata saga sugli zombie. [REC] non è sicuramente il film su Barcellona che ci si aspetta. Completamente girato in found footage, racconta la storia di una reporter televisiva e del suo cameraman, che hanno lo scopo di seguire una squadra di pompieri per le strade della città. Le cose prenderanno una piega inquietante quando la squadra riceverà la telefonata di una donna intrappolata in un appartamento.

Le riprese sono state effettuate all’interno del quartiere dell’Exaimple, il palazzo in cui sono stati girati gli interni si trova invece al numero 34 di Rambla de Catalunya.

Viki Cristina Barcelona (Woody Allen, 2008)

Un po’ dramma e un po’ commedia romantica; la pellicola ci propone una Barcellona piuttosto romanzata, dove i personaggi vivono in grandi case lussuose con enormi finestre luminose e verdi giardini rigogliosi. Particolari molto strani per chiunque si sia ritrovato a vivere o a cercare casa in città. Possiamo perdonare Allen per qualche licenza poetica; perché l’atmosfera, i paesaggi cittadini, la luce magica della fotografia, ci trasportano subito in un luogo incantato e seducente. Dirigendo in maniera esemplare il sex symbol Javier Bardem e le tre stelle di Hollywood Penélope Cruz, Rebecca Hall e Scarlett Johansson; Woody Allen ci restituisce l’immagine di una città che non è sicuramente quella abitata dai barcellonesi, ma quella di un magico mondo parallelo all’interno del quale tutti desidereremmo avventurarci. Il tutto accompagnato da una colonna sonora che vi rimarrà in testa per giorni.

Tra i luoghi che compaiono nella pellicola troviamo: la Pedrera, il monte Tibidabo, il museo Mirò, la Rambla e il quartiere Gotico, il locale Els Quatros Gats.

Tutto su mia madre (Pedro Almodòvar, 1999)

Almodòvar ci regala come sempre un film denso di emozioni; un tributo alla donna, alla femminilità ed ai rapporti che intercorrono tra donne. Sullo sfondo colorato di una Barcellona dinamica e vibrante, le protagoniste affronteranno un viaggio per sconfiggere i loro vecchi demoni interiori. Tra le location della pellicola troviamo la Sagrada Familia, il Palau de la Musica e l’Hospital del Mar.

Cinque film girati a Barcellona che ti faranno innamorare ultima modifica: 2018-05-05T01:01:35+02:00 da Rossella Pergetti

Più letti

To Top